Borgogno


L'inizio

Il nome Borgogno è da sempre legato ad una delle più antiche case vinicole di Langa e del Piemonte. Tutto ha inizio nel 1761 quando Bartolomeo Borgogno fonda la cantina. Negli anni a seguire la storia dell’azienda si lega spesso a quella del nostro Paese, come nel 1861, anno in cui si realizza l’Unità d’Italia: il vino scelto per accompagnare il pranzo celebrativo ufficiale è il Barolo di Borgogno.

Il ’900

Il protagonista assoluto del nuovo secolo è Cesare Borgogno. È il più giovane di cinque fratelli e, nel 1920, assume la direzione della cantina. Figura di spicco e di grande carisma riesce fin da subito a trasmettere nuovo entusiasmo e a portare significative innovazioni. I vini varcano per la prima volta i confini nazionali conquistando anno dopo anno nuovi mercati, primi tra tutti quelli oltre oceano del continente americano. La genialità di Cesare dà inizio ad una tradizione che ai giorni nostri parrebbe pura follia: i vini delle migliori annate non vengono posti tutti sul mercato ma almeno la metà conservati gelosamente nelle buie cantine per almeno vent’anni. Iniziano così ad accumularsi i migliori millesimi di Barolo. Grazie a questa felice intuizione, da allora diventata consuetudine, ancora oggi le cantine sotterranee rappresentano una rara memoria storica del territorio di Langa. Nella seconda metà degli anni ’50 si completa la ristrutturazione delle cantine e nel 1967, con un nuovo programma di trasformazione nell’assetto societario, l’Azienda assume l’attuale denominazione “Giacomo Borgogno & Figli”. Alla morte di Cesare Borgogno nel 1968 la conduzione passa alla nipote Ida e al futuro marito Franco Boschis, sino a quel momento validi collaboratori e successivamente ai loro figli, Cesare e Giorgio.


Gli anni 2000

Il 2008 segna un’altra significativa tappa nella storia di Borgogno: l’azienda viene rilevata dalla famiglia Farinetti. L’anno successivo si completa l’importante ristrutturazione dell’edificio principale che è riportato al suo aspetto originario; nel rispetto della tradizione non vengono modificate le storiche cantine del 1761. Nel 2010 Andrea Farinetti, terminata la scuola enologica, assume la guida dell’azienda. Ancora una volta è il più giovane di tre fratelli.

Vai al sito: www.borgogno.com

Vi aspettano realtà unite dalla passione per il lavoro e dalla volontà di soddisfare al massimo i propri clienti, in luoghi di cui non apprezzerete solo le tante meraviglie, ma anche le esperienze che vi faranno vivere. Un viaggio che sarete voi a definire, alla scoperta di territori, storie, cibo e vini raccontati da chi, queste terre, le vive e le coltiva tutti i giorni. Un percorso tra residenze storiche, visite in cantina, degustazioni e momenti di relax, con un’ospitalità e una cucina sempre di altissimo livello.